Principio Maschile e Principio Femminile

Ci siamo lasciati nel mese di aprile con la pubblicazione del bel video prodotto da AMA2, che concentrava gli argomenti trattati durante l’anno di lavoro della formazione permanente. Come potrete immaginare è difficile esprimere in pochi pensieri il lavoro del gruppo di tutto un anno.

Cercheremo di inserire altri pensieri emersi dal gruppo, ricordandovi che il gruppetto AMA2 – AFFETTIVITA’, continua nei suoi incontri mensili a lavorare sull’argomento con tutte le sue declinazioni (Affettività/amore di coppia, sessualità, genitorialità, amicizia, nuove solitudini, amore spirituale, ecc).

A seguire eccovi il testo “principio maschile e principio femminile”, buona lettura e, non mancate di esprimervi con le vostre riflessioni, questo lavoro non è una vetrina per mostrare prodotti ma vuole essere una provocazione positiva, per sollecitare una partecipazione.

PRINCIPIO MASCHILE E PRINCIPIO FEMMINILE

La Creazione si manifesta continuamente attraverso il Principio Maschile (Volontà), attivo, ed il Principio Femminile (Intelligenza), passivo. L’agire e l’accogliere, interagenti in ogni individuo.
L’uomo e la donna evolvono attraverso la comprensione, la consapevolezza e la manifestazione armonica di entrambi i Principi all’interno di sé, tramite l’esperienza esterna della relazione, ossia nel rapporto di coppia.
Sia gli uomini che le donne, dunque, attraverso la relazione, devono riconoscere, purificare, trasmutare l’aggressività del potere basata sull’egoismo nonché imparare ad assumersi le proprie responsabilità sciogliendo le dipendenze.
260px-Yin_yang.svgSimbolicamente quindi, il principio maschile rappresenta lo spirito, sottile e volatile, tende a salire (Yang: bianco in alto),  e il principio femminile la materia , più pesante, tende verso il basso (Yin: nero in basso).
La creazione ha bisogno del maschile e del femminile, due principi con identica intensità ma diversi poteri che completano l’universo creando armonia. Ciascuno ha bisogno dell’altro: lo spirito ha bisogno della materia per incarnarsi e la materia ha bisogno dello spirito per essere animata.
La creazione non è che il risultato di questo incontro armonioso fra lo spirito e la materia.
Niente al mondo è più significativo dell’incontro fra i due principi, maschile e femminile. Ne gli uomini ne le donne possono dubitare del fatto che questi due principi e ciò che essi rappresentano, sono potenti, attivi e che si influenzano a vicenda allo scopo di creare. Quello che però non si sa è l’atteggiamento da tenere, il modo di considerarsi a vicenda per vivere nell’armonia, nella bellezza e nella pienezza, invece di provocare continuamente disordini, delusioni e tragedie.
Innanzitutto per essere “vero” un uomo o una donna devono conoscere se stessi e questo è frutto di un duro lavoro che può iniziare soltanto realizzando di non conoscersi affatto. E’ necessario liberarsi dagli schemi psicologici e culturali imposti dall’esterno che impediscono la conoscenza di sè in quanto impongono alla nostra coscienza fin dall’infanzia dei modelli a cui conformarsi.
In futuro ci saranno una maschio e una femmina che consapevoli dei loro passati ruoli, come bambini cresciuti, adulti, cammineranno insieme verso il luogo da cui sono provenuti.
Torneranno alla loro casa, portando con sé il frutto del loro lavoro insieme e intraprenderanno un processo di collaborazione consapevole con le entità del mondo spirituale.

amour5La potenza dell’essere umano risiede nel possedere i due principi, è l’unione dei due principi, maschile e femminile che lo rende simile agli dei.

Gianna

Taggato , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Una risposta a Principio Maschile e Principio Femminile

  1. Enio dice:

    La conoscenza di sè
    Ciò che è molto diverso da te ti permette di arricchirti, anche se con fatica. Ciò che è molto simile permette di rilassarti. Cerca di immettere nella tua vita dosi equilibrate di eguale e diverso.
    Come si attraversa la vita? Con i piedi per terra e la testa in cielo. Cioè con sano pragmatismo e con etica ed idealismo.
    Enio

Lascia un commento