Illusioni ottiche

Nell’ambito delle attività AMA2, il gruppo di formazione permanente ti invita a condividere questa esperienza che vuole aggiungere alla tua consapevolezza nuovi spunti di riflessione circa la dimensione della comunicazione e dei punti di vista.

illusioni ottiche
La maggior parte delle persone che vogliono difendere le proprie idee, invece di aprirsi a nuove possibilità, fanno riferimento alla scienza. La scienza sembrerebbe, quindi, una sorta di libro divino che ha la risposta a tutto, soprattutto senza sbagliare. L’estratto che segue è molto bello e ci fa capire quanto fondamento diamo a dei pensieri che passano, più volatili e inconsistenti di un sogno, scambiati per verità assolute.

Prima di giudicare gli altri o di proclamare qualche verità assoluta, considera che puoi vedere meno dell’1% dello spettro elettromagnetico e udire meno dell’1% dello spettro sonoro.
Mentre stai leggendo questo, stai viaggiando alla velocità di 220 chilometri al secondo attraverso la galassia.
Gli esseri umani hanno 46 cromosomi, 2 in meno delle comuni patate.
L’esistenza dell’arcobaleno dipende dai fotorecettori conici nei tuoi occhi; per gli animali senza coni, l’arcobaleno non esiste. Quindi non stai solo guardando l’arcobaleno, lo stai creando.
Questo è piuttosto sorprendente, specialmente considerando che tutti i bellissimi colori che vedi rappresentano meno dell’1% dello spettro elettromagnetico”. (Neil Degrasse Tyson astrofisico e divulgatore scientifico statunitense)

Concludo con questa bellissima citazione di Albert Einstein: “Chi non ammette l’insondabile mistero non può essere neanche uno scienziato”.

Gabri

Taggato , , , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Una risposta a Illusioni ottiche

  1. Gabriela C. dice:

    Il 27 maggio questo piccolo evento “dal punto di vista al punto di incontro”, un gruppo di una ottantina di persone, molto eterogeneo, della cittadinanza di Brescia, ci ha confermato quanto il linguaggio analogico sia indicato per raggiungere tanti livelli di cultura e di coscienza. L’utilizzo della dimensione scientifica e psicologica riesce a farsi comprendere da tutti i tipi di mentalità. E non per ultimo, mantenere la laicità ci permette di comunicare con quanti si sentono di appartenere a comunità religiose piuttosto che atee. I molti rimandi che abbiamo avuto sono stati soddisfacenti. I maggiori commenti sono stati riferibili alla semplicità dei concetti sviluppati, seppur di profondo e complesso significato. Risultata utile l’integrazione delle rappresentazioni scientifiche con quelle psicologiche. Le persone rispondono attivamente alle applicazioni della vita ordinaria, con i grandi temi della relazione e del significato dell esistenza. Diventa, non per ultimo, gradevole la partecipazione del pubblico attraverso i rimandi delle illusioni ottiche. Un modo per rendere anche interattiva l’esperienza. Molte persone già attive nei campi sociali, e religiosi, hanno risposto con entusiasmo alla manifestazione, pensando di poter applicare questo metodo nei loro ambienti di servizio.
    Secondo noi i cuori e le menti di molte persone si stanno aprendo. Ci piace pensare che le semine di una nuova cultura per una nuova civiltà, possano sempre più raggiungere terreni fertili, ricettivi. Nonostante i grandi problemi dell’attuale umanità, questo è un tempo propizio al cambiamento ed alla crescita.

Lascia un commento