Il lavoro dell’acqua

lago alpinoUn laghetto alpino, con la sua apparente quiete ed immobilità, sotto un altro aspetto rappresenta un accumulo di energia della Terra. Un serbatoio di Forze da esprimere.

La Forza di Gravità: Forza centripeta della Terra che si contrappone a quella centrifuga. In un certo senso esprime l’amore della Madre Terra verso i propri figli che altrimenti andrebbero dispersi nello Spazio, senza approdo e stabili riferimenti.
L’acqua, con la sua fluidità ed adattabilità, è il miglior trasformatore di questa Energia presente ovunque sulla terra, in Forza applicata.
Fin dall’antichità si conosceva questa forza che veniva applicata ai mulini, alle pompe, ai magli.
Con l’era moderna viene trasformata in Energia Elettrica: l’energia cinetica dell’acqua, tramite il moto ed il magnetismo della dinamo (o turbina), si trasforma in cariche elettriche che vengono instradate nei cavi.

Solvente: L’acqua è il solvente universale maggiormente presente sulla Terra. Scioglie ogni elemento e lo deposita successivamente dove passa. Costituisce per la Terra il trasporto dei nutrienti ed elementi, come il sangue nella circolazione umana.

immagine mulino 3Con questi esempi del suo mirabile lavoro, l’acqua ci indica il Servizio che anche noi uomini possiamo svolgere, ognuno per proprio conto ma insieme come “umanità” per la Terra che ci ospita:
– diventare consapevoli trasformatori delle energie che viviamo (emotive, mentali e spirituali) per trasformarle in forze benefiche, di pace ed opere per il bene comune.
– essere trasportatori di informazioni e di coscienza, sapendo che solo unendo le molteplicità e le differenze possiamo comporre un’opera completa e colorata di tutti i colori, “al servizio di tutti ma servi di nessuno”.
Come essa possiamo esprimere tutta la nostra flessibilità ed adattabilità, utile a raggiungere uno scopo positivo e comune.
Il Lavoro dell’acqua è efficace perché instancabile e persistente. Come essa composta da innumerevoli gocce ma che rimane sempre una, tenacemente instancabili nel trasformare, sciogliere e trasferire, possiamo, goccia dopo goccia, levigare le rocce e perforare ogni ostacolo che si frappone al nostro ritorno al mare (per poi tornare da dove siamo partiti).

Da Omraam Mikhael Aivanhov: «Avere pensieri chiari, giusti ed elevati non è sufficiente. Tutti questi pensieri devono scendere nel cuore e nella volontà, in modo da manifestarsi dapprima attraverso sentimenti, e poi attraverso azioni loro corrispondenti.  Molti dimostrano buonsenso, hanno idee eccellenti, ma a cosa serve se quel buonsenso e quelle idee eccellenti non si traducono in azioni della stessa qualità? Spesso, il contrasto fra le idee che hanno e la realtà della loro vita quotidiana è tale che essi incontrano solo delusioni. E il peggio è che non capiscono cosa accade loro: molto semplicemente, non hanno saputo stabilire una comunicazione tra l’alto e il basso, tramite il sentimento. Il pensiero non ha la proprietà di toccare direttamente la materia: per agire sulla materia e trasformarla ha bisogno del sentimento come tramite. Lavorate quindi anche sui vostri sentimenti mostrandovi più calorosi e aprendovi agli altri, così le vostre idee prenderanno corpo per incarnarsi in azioni».

Taggato , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento