Autunno, tempo di Misteri

frutti autunnoAutunno. Il suo inizio cade nell’equinozio del 22 settembre, sotto il segno di Libra, l’attore delle riconversioni e degli equilibri.

E’ tempo di raccolta, e come sempre raccogliere spinge all’inventario: ripensamenti e valutazioni conducono con immediatezza a quegli aggiustamenti che saranno messi in atto per meglio condurre lo sviluppo di ogni opera.  Alla fine dell’anno sarà tempo di “buoni propositi”, oggi di precise indagini su quanto compiuto e di pianificazioni per il futuro.

E’ anche il tempo in cui le energie della stagione sostengono ogni eventuale necessità di ri-orientamento, a volte di radicale mutamento della strada che si percorre: lo ricordi chi si sente incerto sulla sua vita, sugli scopi che è prefisso, sui metodi che sta applicando; questo tempo lo aiuterà a scegliere le giuste direzioni, perchè siamo immersi nelle energie di tutto il nostro mondo, e questa è la fase che la Terra vive.

autunno

Riportiamo un bell’articolo del sito Terre Marsicane che ci ricorda Eleusi e ai suoi significati. L’originale qui.

“L’Autunno è uno dei momenti di passaggio dell’anno, quando la barriera tra il mondo visibile e quello invisibile si fa più sottile. Gli antichi lo consideravano un periodo propizio ai riti misterici. Si celebrano quelli di Mithra, signore ed animatore del cosmo e allo stesso tempo mediatore fra le divinità e gli esseri umani. Più tardi, nei secoli, le funzioni di Mithra vennero assunte dall’arcangelo Michele, la cui festa, insieme a quella degli altri due arcangeli Gabriele e Raffaele, ricorre il 29 settembre. Il periodo equinoziale di autunno è chiamato appunto Michaelmas nei paesi anglosassoni.

michele arcangeloMichele è l’arcangelo di fuoco e di luce, alter ego e gemello di Lucifero. Ma il mese di settembre era anche il periodo in cui si svolgevano i Grandi Misteri di Eleusi. I rituali eleusini, basati sul simbolismo del grano, celebravano il mito di Demetra e sua figlia Persefone. Nel mito classico Persefone venne catturata da Ade, Dio degli inferi. Sua madre Demetra, Dea del grano, la cercò ovunque lamentando la perdita della figlia e rifiutando di fare fiorire e fruttificare la terra. Il suolo divenne spoglio e desolato, e l’umanità invocò il soccorso degli dei.

 

Alla fine, stanca, Demetra sedette per nove giorni e nove notti e gli dei le fecero sbocciare papaveri tutt’intorno. Respirando il loro profumo soporifero, Demetra si addormentò e nel frattempo gli dei riuscirono ad ottenere da Ade il ritorno di Proserpina. Ma siccome la giovane Dea aveva mangiato tre semi di melograno, cibo dell’altro mondo offertole da Ade, fu destinata a trascorrere tre mesi ogni anno nel mondo infero, mesi durante i quali l’inverno cadeva sulla terra.

 

L’autunno è anche il momento del secondo raccolto dopo quello dei cereali: quello della frutta e dell’uva. Dionisio, nato secondo certi miti proprio dalle nozze di Ade e Persefone, è il Dio della vita e dell’ebbrezza. Nelle isole britanniche si celebrava Berleycorn, lo “spirito”. Infatti è dal grano che rinasce  nel whisky, che viene l’acqua di vita dei Celti. I Celti chiamavano l’equinozio autunnale anche con il nome di Mabon, il giovane Dio della vegetazione e dei racconti. Mabon o Maponus per i romani e britanni, è il figlio di Modron, la Dea Madre: rapito tre notti dopo la sua nascita, venne imprigionato per lunghi anni, fino al giorno in cui venne liberato da re Artù e dai suoi compagni.”

trittolemo iniziato da demetra e persefone

Il mito ci racconta la dinamica della vita, il gioco degli opposti sempre presente e ineliminabile: giorno/notte, mondo supero/mondo infero, morte del seme/vita della pianta.

Alla comprensione di questi significati in antico era preposta Eleusì, i cui misteri si celebravano ogni anno in questa stagione, sancendo il passaggio di livello, l’iniziazione degli adepti più avanzati.

Ma questo non ci è estraneo, anche oggi, segretamente, nella propria interiorità, ciascuno che si ascolti può sentire il richiamo della conoscenza, della bellezza, della giusta direzione per la sua vita. Della ricerca di senso, di scopo e soprattutto di visione: sono i frutti dell’esperienza che questa stagione esemplifica così meravigliosamente, finchè sapremo curarli e tutelarli.

Taggato , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Una risposta a Autunno, tempo di Misteri

  1. Greg dice:

    Grazie Eleonora, molto istruttivo questo tuo sguardo e aggancio ai miti antichi , che per analogia ci fanno capire meglio i misteri che si perpetuano anche ora, nel tempo presente.

Lascia un commento