Amore e Amicizia

Screen-Shot-2015-12-09-at-12.16.42-PM

Riceviamo da Carla

“L’amore e l’amicizia non si chiedono come l’acqua ma si offrono come il tè”. (Detto zen)
In questa epoca, noi umani siamo talmente complessi da portarmi a chiedere se valga ancora il detto “dimmi con chi vai e ti dirò chi sei: ci conosciamo?”  E’ possibile conoscersi profondamente oggi quando siamo tutti tanto impegnati, sempre di corsa e curiamo le nostre relazioni con messaggini sul telefono e tutti gli annessi e connessi? Oggi è sicuramente impresa notevole. Definire cosa siano sentimenti importanti come l’amore e l’amicizia non è facile.
Prendo il vocabolario e cerco l’etimologia della parola amore: deriva dal latino amor e designa un sentimento di viva affezione verso una persona, che si manifesta come desiderio di procurare il suo bene e di ricercarne la compagnia.
Poi cerco l’etimologia della parola amicizia: deriva dal termine latino amicus-amico, indica il legame tra due o più persone basato su affinità di interessi, schiettezza, disinteresse e reciproca stima.
Si potrebbe dire che amore e amicizia siano sinonimi perché il significato di entrambi ha molte affinità ma sappiamo tutti ben distinguere l’amore dall’amicizia quando ci innamoriamo, con la trepidante speranza di essere ricambiati.
Io personalmente credo che questi due sentimenti abbiano almeno un’importante base in comune, il rispetto, la cui etimologia dice che deriva dal latino respectus: sentimento e atteggiamento di riguardo devoto, spesso affettuoso, verso una o più persone. Il rispetto che le persone vicine ci riconoscono, ci mette in uno stato per cui ci sentiamo liberi e sinceri, a nostro agio, con la possibilità di esprimere le nostre idee e scelte.  Da questa situazione ideale, la relazione delle persone continua nei modi e nei tempi più svariati, con regole decise dalle persone coinvolte. Il tempo dedicato alla relazione varia molto: intensissimo nell’amore, molto più blando nell’amicizia.  In amore si vorrebbe trascorrere ogni istante con l’altro; in amicizia invece, possono trascorrere anche lunghi periodi senza vedersi o sentirsi senza che il sentimento ne risenta, non troppo almeno.
L’amore è per me: desiderio di vivere le mie giornate in compagnia con la persona che amo, condividere con lui il mio tempo, gli spazi e anche gli interessi, che siano comuni o meno; sono portata ad incuriosirmi dei suoi interessi e ad approfondirli e desidero che egli conosca e, se possibile, condivida i miei.  Io desidero che la comunione sia quasi totale perché l’amore per me è fonte di curiosità, slancio per cose da scoprire, ispirazione e desiderio di fare cose nuove; un cambio di vita perché l’amore ci trasforma. Innamorarsi è come essere in un crogiuolo in cui due metalli si sciolgono e creano un amalgama nuovo, con la possibilità di essere sè stessi, seppur cambiati, è un’alchimia. E’ l’amore la pietra filosofale che trasforma tutto in oro. Non deve essere però costrittivo, mai; se è utile avere spazi individuali, la libertà deve essere riconosciuta senza dubbi o risentimenti, in totale fiducia.  E’ per me forte anche il sentimento di cura, aiuto reciproco, sostegno e comprensione dei limiti. E’ importantissima la visione dello stile di vita, il rapporto con ciò che sia veramente essenziale per essere, il rispetto delle scelte etiche verso i nostri simili e la natura che ci circonda,  e la necessità di una ricerca spirituale.
Non posso dire di vivere l’amicizia altrettanto intensamente. La prima ragione è che non amo avere rapporti che implichino routine di alcun genere e spesso nelle amicizie capita questa tendenza: vedersi per l’aperitivo, il cinema al sabato, ecc.  Preferisco le cose estemporanee. Mi piace però la bella e ricca conversazione una volta tanto, quando serve, quando capita o è necessario perché io o l’altra abbiamo problemi su cui confrontarci. Oppure quando c’è serio bisogno d’aiuto per ragioni di crisi esistenziale o di malattia o altro. Mi piace molto la frase che dice: “gli amici veri ci sono sempre, come il sole;  anche quando è dietro alle nuvole, sai che c’è”. Questa per me è la vera amicizia: il servizio disinteressato e gratuito, e reciproco.  Amicizie fondate semplicemente sul sentimento di fratellanza più che di affinità; fondate sul sapere che, reciprocamente, possiamo fare la differenza per le nostre vite, perché sappiamo di poterci fidare e affidare,  anche se poi le scampagnate le faremo con qualcun altro e forse qualche volta tra noi. Ci sono tanti livelli di amicizia ma quella senza alcuno scopo se non starsi vicini senza aspettarsi nulla è veramente grande ed è forse la più alta rappresentazione dell’amore.
Voglio chiudere con questa bella frase di Pier Paolo Pasolini che risuona in me: “La mia indipendenza, che è la mia forza, implica la solitudine che è la mia debolezza”; trascorrere del tempo da sola  mi piace ed è una necessità a cui non potrei rinunciare.

Taggato , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Una risposta a Amore e Amicizia

  1. Gianna dice:

    Grazie Carla, molto bello il tuo scritto

Lascia un commento